Taiwan sconfigge il Coronavirus, ma il suo successo imbarazza l’OMS e il resto del mondo

La piccola isola ha dato una vera lezione al pianeta intero. I numeri, infatti, sono dalla loro parte, i casi totali registrati a Taiwan sono solo 388 con appena 6 decessi. Parliamo di una nazione di 24 milioni di abitanti (quasi la metà dell’Italia) e molto vicina dalla Cina, da dove è iniziata l’epidemia.

Allora come ha fatto Taiwan a ottenere dei simili risultati? Scuole, negozi, aziende. Niente si è fermato a Taiwan. Sin da quando la Cina aveva comunicato la nuova infezione a fine 2019, il Paese ha iniziato a monitorare i viaggiatori provenienti da Wuhan e ad inizio Febbraio ha deciso di chiudere i confini ai cittadini cinesi. Taipei ha poi delegato il tutto a un Centro di comando anti epidemia ed ha avviato i protocolli creati dopo l’emergenza Sars.

Le misure di restrizione sono state comunicate ai cittadini e le aziende hanno ricevuto l’ordine di incrementare la produzione di mascherine.

La nuova tecnologia, app e big data hanno fatto il resto, tracciando i soggetti contagiati e controllando che i pazienti a rischio restassero chiusi in casa. Tutto ciò ha portato a pochissimi casi e non c’è stato necessario procedere ad una quarantena di massa.

Di fronte al successo sanitario di Taiwan, l’OMS è sembrata in imbarazzo. Come non riconoscere al mondo intero gli ottimi risultati conseguiti da Taipei nella lotta contro il Coronavirus?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: