Napoli: muore poliziotto dopo tentata rapina, lascia moglie e 2 figli

Un poliziotto è morto nel tentativo di sventare un furto in banca. Pasquale Apicella, agente scelto, aveva 37 anni ed era alla guida della volante intervenuta in via Abate Minichini che è stata travolta da una banda di criminali in fuga, violentissimo l’impatto. Un altro agente ferito lievemente. Il questore Alessandro Giuliano: “Siamo vicini alla famiglia”. Gabrielli: “La polizia paga un prezzo altissimo”. L’agente aveva compiuto gli anni ad aprile, era stato trasferito da Roma a Napoli a dicembre, lascia due figli piccoli. Mattarella invia un messaggio al capo della polizia: “Profonda tristezza”.

Pasquale Apicella, agente scelto, era alla guida della volante intervenuta in via Abate Minichini per sventare un furto in banca, che è stata travolta dalla banda di tre criminali in fuga. Un altro agente è rimasto ferito ferito lievemente. Due ladri sono piantonati in ospedale, sono due cittadini stranieri residenti in un campo rom di Giugliano. Si cerca il terzo complice. L’auto distrutta mostra la terribile violenza dell’impatto che non ha lasciato scampo al 37enne,  sui volti degli agenti intervenuti sul posto, in via Calata Capodichino, si legge il dolore per la perdita del collega.

“Con profonda tristezza ho appreso la notizia del decesso in servizio dell’Agente scelto Pasquale Apicella nel corso di un intervento per fermare i responsabili di un tentativo di furto presso un istituto bancario di Napoli – ha detto Mattarella in un messaggio inviato a Gabrielli – Nell’esprimere a lei e alla Ps la mia solidale vicinanza, la prego di far pervenire ai familiari le espressioni della mia commossa partecipazione al loro cordoglio e all’Assistente Capo Salvatore Colucci, rimasto ferito nell’intervento, gli auguri di pronto ristabilimento”.

La fuga dei ladri e l’impatto delle auto

Sono in ospedale e piantonati i due ladri bloccati dalla polizia. Si tratta di due stranieri residenti in un campo rom del Napoletano, rimasti anche loro feriti nello scontro tra l’Audi A4 con cui scappavano, dopo aver cercato di mettere a segno il ‘colpo’, e la pattuglia proveniente dal commissariato di Secondigliano allertata dalla centrale operativa.

Il tentato furto è stato segnalato questa mattina alle 4, e subito una prima pattuglia è arrivata, mettendo i tre ladri in fuga; prima di andare via, però, i tre hanno speronato la vettura della polizia per non essere inseguiti, imboccando poi contromano via calata Capodichino, strada dalla quale stava arrivando l’altra auto della polizia a bordo della quale c’era la vittima alla guida e un suo collega, rimasto a sua volta ferito lievemente. A fermare i ladri, un’altra macchina con agenti. Un terzo ladro è scappato e sono in corso capillari ricerche dell’uomo.

L’auto utilizzata dai banditi aveva una targa sovrapposta ed il telaio punzonato. Si trattava evidentemente di una vettura rubata. Nel violento impatto con la volante della polizia il motore della vettura è stato sbalzato fuori.

L’agente morto

Era un poliziotto, un tutore della Legge, ma anche un artista Pasquale Apicella, 37 anni compiuti lo scorso 13 aprile, appena due settimane fa, morto la scorsa notte dopo essere stato investito da due ladri in fuga. Amava i tatuaggi ed era un tatuatore bravissimo. Sul suo profilo Fb, che conta 90 follower, ci sono parecchie mentre è all’opera e foto delle sue creazioni. In un post pubblicato lo scorso 10 marzo sul suo profilo scriveva: “Solo una cosa positiva ha portato questo virus, quello di poterti godere un po’ la famiglia…”.

Lino, come lo chiamavano parenti e amici, lascia due figli piccoli, uno di sei anni compiuti lo scorso 12 gennaio, l’altra, una femminuccia nata lo scorso 10 gennaio. Fino allo scorso dicembre ha lavorato a Roma, poi ha deciso di tornare nella sua città natale ed era in forza al commissariato di Secondigliano.

Il cordoglio di Gabrielli

Il capo della polizia Franco Gabrielli ha espresso profondo cordoglio e sentimenti “di commossa vicinanza ai familiari dell’agente scelto Pasquale Apicella deceduto questa mattina a Napoli durante un inseguimento di alcuni malviventi nell’espletamento del servizio. In giornate che vedono impegnate le Forze dell’ordine nei controlli per il contenimento del coronavirus la Polizia continua l’attività di controllo a presidio di legalità contro la criminalità, pagando un prezzo altissimo con la perdita di un suo uomo. Il Capo della Polizia ha augurato una pronta guarigione all’altro componente della volante l’assistente Capo della Polizia di Stato Salvatore Colucci, rimasto ferito”.

Le reazioni
 

“Preghiera per l’agente, i delinquenti paghino fino in fondo” dichiara il leader della Lega Matteo Salvini.

Il sindaco di Napoli Luigi de Magistris esprime il più profondo cordoglio per la tragica morte di Pasquale Apicella: “Esprimo il più profondo cordoglio, a nome della Città, alla famiglia dell’agente scelto ucciso ed a tutti gli uomini e le donne della Polizia di Stato che ogni giorno sono impegnati con professionalità e sacrificio nella prevenzione e repressione del crimine. Al poliziotto ferito vanno gli auguri di una pronta guarigione “.

“Apprendo con profondo dolore della morte dell’agente Pasquale Apicella, rimasto ucciso mentre inseguiva dei malviventi a Napoli. A nome mio e di Montecitorio esprimo cordoglio e vicinanza ai suoi cari e alla Polizia di Stato. Un augurio di pronta guarigione all’agente ferito”. Cosi’ su Twitter il presidente della Camera, Roberto Fico.

“Aveva 37 anni l’agente scelto Pasquale Apicella della Polizia di Stato morto per sventare un furto in banca – dice su Twitter il senatore Sandro Ruotolo -. Ci sentiamo vicini alla famiglia e a tutti gli uomini e le donne che in divisa difendono la legalità. Napoli addolorata, è con voi”.

“Ci addolora profondamente la morte dell’agente scelto di Polizia, il trentasettenne Pasquale Apicella, deceduto questa a notte a Napoli, mentre cercava di sventare una rapina. Siamo vicini al corpo della Polizia e a tutte le forze dell’ordine che lavorano per la nostra sicurezza e, in queste settimane, contribuiscono in maniera determinante a garantire l’applicazione delle misure a tutela della salute pubblica”. Lo scrive su Facebook il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, esprimendo “il nostro cordoglio alla famiglia, alla moglie e ai due figli di Apicella, un servitore dello Stato”, e “l’augurio di una pronta guarigione per l’altro agente rimasto ferito”

“Esprimo il mio profondo dolore e cordoglio alla famiglia dell’agente di Polizia Pasquale Apicella, morto questa notte nel tentativo di bloccare dei rapinatori in fuga a Napoli. Vicinanza e solidarietà anche a tutti i suoi colleghi, uomini e donne della Polizia di Stato”. Così Antonio Tajani, vicepresidente di Forza Italia, su Facebook.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: